I TOURS DI NUNZIA
Tecnico qualificato Guida Turistica Italiano, Inglese e Francese


 

2 ore

5

Facile

it en
$
0
 
Il tuo carrello è vuoto
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Santa Maria Maggiore - La Basilica Liberiana e la sua misteriosa leggenda

Descrizione
 
Gallery
 
Contatti
 

LA BASILICA LIBERIANA E LA SUA MISTERIOSA LEGGENDA

La basilica di S. Maria Maggiore si trova su Piazza di Santa Maria Maggiore nel quartiere esquilino, ed è una delle quattro basiliche papali di Roma, nonchè una delle più riccamente decorate. Presenta affreschi e magnifici mosaici, questi ultimi all’interno di pannelli posti sotto le finestre della navata centrale.

Origini e Storia della Basilica di Santa Maria Maggiore

L’origine della Basilica di Santa Maria Maggiore è antica. Venne costruita per volere di papa Sisto III tra il 432 e il 440. La realizzazione della basilica, in onore della madonna, fu ispirata secondo la tradizione, da un sogno che fecero Papa Liberio e il patrizio Giovanni. Nel sogno apparve la Santa Vergine che suggerì il luogo dove costruire la chiesa, indicando che ciò sarebbe avvenuto in maniera miracolosa. Infatti un’insolita nevicata verificatasi in pieno agosto sul colle Esquilino, permise al papa di indicare il luogo preciso dove costruire la Basilica.

Elementi architettonici e artistici

Al primo sguardo colpisce la grande facciata (realizzata su quella precedente), i cui lavori iniziarono il 4 marzo del 1741, opera di Ferdinando Fuga. Si notano il portico con cinque aperture in basso e tre nella loggia superiore. Dietro sono ancora visibili i mosaici del XIII sec. dell’antica facciata.
L’autore dei
mosaici è Filippo Rusuti e si mostrano al visitatore in tutta la loro magnificenza. Particolare attenzione merita la Vergine con Bambino che sembra librarsi nell’aria.
La
navata centrale era illuminata da 21 finestre per lato. Volgendo lo sguardo in alto possiamo ammirare la copertura a cassettoni dorati che rende l’interno ancora più luminoso e affascinante. Dei 42 riquadri originali ne 27.

Pregevole e di grande rilevanza artistica è il pavimento a mosaico del XIII secolo in stile “cosmatesco”. Nella Basilica di Santa Maria Maggiore si potrà ammirare la Cappella Cesi voluta dal Cardinale Paolo Emilio Cesi, realizzata intorno al 1560.

Artisticamente rilevante è anche la Cappella Sforza realizzata dal cardinale Guido Ascanio Sforza di Santafiora, arciprete della basilica

Proseguendo la visita della Basilica di Santa Maria Maggiore ci avviciniamo verso l’abside dove troviamo l’arco trionfale anch’esso decorato con alcuni mosaici in cui sono state inserite scene dell’infanzia di Cristo.

Mirabile la Sacra Culla realizzata in argento e cristallo dal Valadier.

Altra opera di pregio è il “Presepio” di Arnolfo di Cambio voluta da Papa Sisto III che al tempo creò nella primitiva Basilica una “grotta della Natività”, a somiglianza di quella di Betlemme.

Rilevante la presenza della tomba del Bernini situata su un lato dell’altare maggiore.

Descrizione Tour

Il tour inizierà da Piazza S.Maria Maggiore, dove potremo ammirare la bellissima facciata di Ferdinando Fuga e la fontana costruita da Carlo Maderno.

Si entrerà poi in chiesa per visitare i suoi innumerevoli tesori d’arte cristiana.




                                                                                                          PIANTA DELLA BASILICA




  • Appuntamento in piazza S.Maria Maggiore sotto la colonna.
  • Durata visita guidata: 2h.
  • Costo visita guidata: 8 euro adulti, 5 euro ragazzi fino a 18 anni, gratis bambini fino a dieci anni.
  • Eventuali auricolari: 2 euro a persona.

     Per prenotazione chiama il numero 335.81.45.599 nunzia o scrivi alla mail: nunzarbol@gmail.com
     specificando nome, numero persone e recapito telefonico.

    N.B. La prenotazione è indispensabile per ricevere conferma e per essere contattati in caso di variazioni.


DISPOSIZIONI COVID:

Per disposizioni in merito all’emergenza Covid, il numero massimo di partecipanti è pari a 15 unità.

Ciascuno dovrà essere munito di mascherina protettiva e dovrà essere rispettata la distanza minima di un metro tra i partecipanti.